Novità

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48

LXXI Premio Strega

7/07/2017

Complimenti a Paolo Cognetti, meritato vincitore del Premio Strega, con "LE OTTO MONTAGNE" einaudi editore!!!!!! Nel cuore ho anche Neri Pozza e Wanda Marasco.

"IL MAESTRO" di Fabrizio Silei, illustrazioni di Simone Massi

23/05/2017

Per ricordare Don Milani. Un casale padronale toscano, ai piedi del Mugello. Un contadino, cappello in mano e figlio al fianco, chiede al signor Conte, padrone del fondo, di poter finalmente avere la luce in casa. Sventolando una lettera sotto il naso di padre e figlio, quello gli risponde che non da lui dipende, ma dalla societa' elettrica alla quale ha fatto domanda mesi e mesi prima. Leggete, leggete se non mi credete dice loro, ben sapendo che sono analfabeti. Umiliato, testa china, il contadino, il figlio per mano, lascia il casale. Passano i giorni, le settimane, i mesi, della luce nemmeno l’ombra. Oggi il contadino non e' sul campo. Sta salendo per un sentiero, figlio riottoso al fianco, su per la montagna. "Ma si può sapere dove andiamo?" "Dal prete matto. Quello che insegna a leggere e a far di conto ai figli dei contadini." E da quel giorno quel bambino condivide la straordinaria esperienza di Barbiana. Con le parole, impara a pensare. E a giudicare. Quei preti che benedicono le armi e condannano gli obiettori di coscienza, quelle professoresse che bocciano i figli degli ultimi. Sempre accanto a quel prete matto, fino all’ultimo, fino al suo capezzale. Ma nella tristezza e nel buio di quella giornata, uno sprazzo di luce. Finalmente sulla tavola di casa brilla una lampadina. Quel prete gli ha insegnato anche a far valer i suoi diritti.

"OGNI CITTA' HALE SUE NUVOLE" di Tommaso Avati, Società Editrice Milanese

13/04/2017

 

Il debutto come romanziere dello sceneggiatore Tommaso Avati, è un libro limpido,la storia ambientata negli anni ottanta, ma i sentimenti che narra sono sempre attuali. È tutto un altro cielo quello sotto cui si ritrova Alessandro Campolungo quando, nei primi anni Ottanta, con la madre e la sorella si trasferisce da Bologna a Roma. È tutto un altro mondo integrarsi, per un quattordicenne con la media dell'otto e il mito di "Quark" e Piero Angela, non è facile. La vita del giovane protagonista e il suo animo fanno da specchio alla famiglia e al mondo che lo circonda, di compagni di scuola e di adulti con la vita ingarbugliata. Una storia per i grandi e per i più giovani che da pari a pari con Alessandro riconosceranno tutte le difficoltà dell'adolescenza e dei rapporti familiari. E' un romanzo che con gentilezza conquista e Avati con mano ferma ci mette di fronte ai rapporti genitori figli, fratelli e sorelle, amici e compagni di scuola, dando modo ai lettori più adulti di ritrovare la propria adolescenza. Bello, bello, bello!!!!